Bonèt



Incontri d’autore: il Bonèt di Mario Sobbia

È uno dei dolci tipici che più di frequente si trova sulla carta abituale dei ristoranti. Si chiama Bonet (che vuoi dire berretto, copricapo; pronuncia «bunèt»), sia per la forma dello stampo di rame o di alluminio in cui tradizionalmente viene cotto, sia — anche — perché viene servito alla fine del pasto, come «bonet», cioè «berretto, cappello» a tutto ciò che si è mangiato: quando ci si vestiva per uscire, il bonet non era l’ultima cosa che si indossava?

A base di latte, uova, amaretti, zucchero e cacao (qualcuno aggiunge un goccio di rhum), il bonet è un budino cotto a «bagno maria» e generalmente servito freddo (ma c’è anche chi lo serve caldo).
Ormai il bonet lo si trova dappertutto, ma originariamente era un dolce tipico delle Langhe, anzi probabilmente dell’ Albese. Nato come dolce invernale, lo si trova in tutte le stagioni. Come vino, nonostante contenga cacao, chiede Asti spumante o Moscato, oppure un passito.

Ricetta del Bonet

Ingredienti per 5 persone:
Latte lt. 1/2
uova n. 3
tuorli n. 3
zucchero gr 125
cacao gr 25
amaretti sbriciolati gr 150
vanillina n. 1/2 bustina
zucchero per caramello gr 100
salsa di nocciole

Sobbollite il latte con la vaniglia; preparate lo zucchero caramellato unendo allo zucchero n. 4 cucchiai di acqua e cuocetelo fino a farlo caramellare e quando è ancora caldo coprite con lo stesso il fondo degli stampini destinati alla preparazione del bonet. In una bastardella sbattete tutte le uova con lo zucchero; quando il composto è diventato color biancastro, unite prima il cacao e poi gli amaretti sbriciolati; quando il latte è arrivato ad ebollizione filtratelo nel composto e lasciatelo raffreddare. A composto freddo, riempite gli stampini con il caramello e cuocete a bagnomaria in forno per 40/45 minuti a 150°C oppure in forno a vapore a 84°C per 35 minuti; a cottura ultimata abbatteteli, sformateli quando sono ben freddi e posizionateli nei piatti.
Accompagnare eventualmente con salsa di nocciole e guarnite con stile e fantasia.

Ricetta della salsa di nocciole

Ingredienti:
Latte intero gr 700
zucchero gr 140
tuorli d’uovo gr 180
panna gr 120
pasta di nocciole gr 100

Versate sui tuorli sbattuti con lo zucchero, il latte caldo e portate a 85°C, unite infine la panna e la pasta di nocciole.
*Rubrica a cura di Alexander Màscàl, fotoreporter e scrittrice di turismo.

BONET
Ricetta di l’Antica Locanda Belfiore e’ un Ristorante ubicato in Bassa Val Susa su una vecchia strada che porta in Francia chiamata via Francigena — piatti tipici piemontesi.
Ingredienti

1 L Latte
8 Uova
200 Gr Amaretti
140 Gr Cacao
200 Gr Zucchero
1 Tazzina di Caffè
5 Cl Amaretto di saronno

Sbattere le uova con lo zucchero
Unire amaretti sbriciolati e cacao
Unire gradatamente il latte mescolando piano in modo da non far schiuma
Unire caffè e liquore
Versare negli stampi e cuocere in forno:
— vapore 90° ½ ventola con sonda fino 80° al cuore
— bagnomaria con sonda fino 80° al cuore

A piacere sul fondo dello stampo può essere messo del caramello.

Bònet della nonna

Ingredienti

gr.120 di amaretti
gr.180 di zucchero
4 uova
1/2 litro di latte
2 cucchiai di rhum
1 cucchiaio di cacao in polvere zuccherato

Preparazione

Mettete a bollire il latte. Sbattete in una terrina le uova e unite 80 gr.di zucchero fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso. Sbriciolate gli amaretti ed aggiungeteli nella terrina insieme a cacao, rhum, latte caldo e mescolate bene. A parte preparate uno stampo, caramellando i restanti 100 gr.di zucchero con l’acqua e distribuendo il caramello sul fondo e sulle pareti in modo uniforme. Lasciate raffreddare e poi versate l’impasto preparato. Prendete un recipiente che possa contenere al suo interno lo stampo, mettetevi dell’acqua e fatela bollire. Quando l’acqua bolle, inserite lo stampo nel recipiente, avendo cura che l’acqua raggiunga solo la metà dello stampo. Cuocete a bagnomaria nel forno a 170° da 45 minuti ad un’ora. Estraete i contenitori dal forno, lascate raffreddare bene e poi mettete lo stampo in frigorifero per un’ora. Infine togliete il Bònet dallo stampo, mettetelo su di un piatto di portata e servitelo in tavola.
Per un tocco di fantasia in più potete aggiungere a guarnizione amaretti interi o sbriciolati sopra o intorno al dolce.

Реклама

Добавить комментарий

Заполните поля или щелкните по значку, чтобы оставить свой комментарий:

Логотип WordPress.com

Для комментария используется ваша учётная запись WordPress.com. Выход / Изменить )

Фотография Twitter

Для комментария используется ваша учётная запись Twitter. Выход / Изменить )

Фотография Facebook

Для комментария используется ваша учётная запись Facebook. Выход / Изменить )

Google+ photo

Для комментария используется ваша учётная запись Google+. Выход / Изменить )

Connecting to %s