Verona


ARTE

Tra i monumenti antichi romani è presente a Verona il Teatro Romano, di Età Augustea, dotato di nicchioni e cavea semicircolare

Verona, dopo Venezia, è la città d’arte più importante del Veneto come oggi testimoniano i monumenti e i beni artistici che connotano il nucleo urbano.
Tra i monumenti antichi romani è presente il Teatro Romano, di Età Augustea, dotato di nicchioni e cavea semicircolare.
Invece, risalente all’Età Flavia, è la famosa Arena di Verona grandioso anfiteatro costruito fuori dalle mura della città.
Altri monumenti ugualmente importanti risalgono all’età romanica e gotica come la Chiesa di San Zeno del XII sec. e il complesso del Duomo costruito fra il 1139 e il 1140.
Un altro edificio interessante è la Chiesa di San Fermo Maggiore che conserva al suo interno alcuni affreschi giotteschi, opere del Pisanello e varie tele della Scuola veronese.
Invece, l’edificio civile di riferimento è Castelvecchio costruito da Cangrande II della Scala (1354-1357). Del periodo rinascimentale sono di grande importanza le opere del Sanmicheli: Porta Nuova (1535-1540), Porta Palio (1542-1557), i palazzi Guastaverza, Pompei, Canossa, Bevilacqua del 1530 c. e la Cappella Pellegrini nella Chiesa di Santa Maria in Organo.
Da ricordare sono anche i vari musei presenti a Verona tra i quali: il Museo Archeologico, il Museo civico di Castelvecchio che conserva al suo interno numerose opere d’arte di importanti maestri come Pisanello, Mantegna, Tiziano e Tintoretto e il Museo lapidario con la più antica raccolta di lapidi greche, romane e medioecali.

Verona:
Verona romana
Verona comunale
Verona scaligera
Verona veneziana
Verona austriaca
Chiese e monasteri
Itinerario di Giulietta e Romeo
Il lago di Garda e il Baldo
La Lessinia
Museo di Castelvecchio
Galleria d’Arte Moderna Palazzo Forti

Chiese di Verona
IL CENTRO STORICO: VERONA RACCONTA…
Descrizioni particolareggiate con foto illustrative dei principali monumenti della città di Verona
Piazza delle Erbe
Benvenuto a Verona! Per cominciare a conoscerla, parti da piazza Bra, che и la piщ grande del centro cittadino. Ti consigliamo di entrare in piazza attraverso i due grandi archi merlati, sormontati da un orologio, che i veronesi chiamano i “Portoni della Bra”. Oltrepassati i “Portoni”, guardando davanti a te, sulla sinistra, vedrai un largo marciapiede di pietra rosata, su cui si affacciano palazzi di diversi colori, forme, dimensioni. E’ il Listтn, che in veneto significa appunto “grande marciapiede”. E’ un luogo molto caro ai veronesi, dove si svolge ogni anno, il 13 dicembre, la festa di Santa Lucia, dedicata soprattutto ai bambini. Il Listтn и sempre pieno di gente: anche tu puoi passeggiare o sederti a uno dei tanti tavolini e ordinare qualcosa. Prima di fermarti, perт, ti invitiamo a seguirci. Vieni a vedere i bellissimi monumenti che si affacciano su piazza Bra e scopri su di essi notizie e particolari curiosi e interessanti! A destra dei “Portoni” trovi il palazzo della Gran Guardia. Al di lа della strada, c’и un altro grande edificio del 1800, simile a un tempio romano: palazzo Barbieri. Vicino a palazzo Barbieri si presenta, grandissima, l’Arena. Oltre ad essere il monumento piщ famoso di Verona, l’Arena и anche uno dei piщ grandi anfiteatri di epoca romana oggi esistenti, dopo il Colosseo di Roma; nell’antichitа era uno dei piщ capienti di tutto l’impero: poteva contenere circa 30.000 spettatori! Per avere un’idea di come doveva apparire quando era integra, devi girarci intorno e osservare con attenzione l’”Ala”, l’unica parte della cinta esterna (un “anello”che la circondava) che ancora esiste: come vedi, l’esterno dell’ Arena doveva essere costituito da tre “ordini” (cioи tre piani) di aperture ad arco. Ad ognuno degli archi esterni corrispondeva una apertura della cinta interna. Sai di quante aperture era costituito ogni piano? Fai il giro di tutto l’anfiteatro, tieni il conto, e lo scoprirai! Come in tutti gli anfiteatri, anche in Arena si svolgevano i giochi che tanto appassionavano gli abitanti delle cittа romane: combattimenti tra gladiatori, cacce ad animali feroci e provenienti da paesi lontani e, forse, battaglie navali “in miniatura”. Dopo la caduta dell’impero romano l’Arena accolse spettacoli di vario tipo: giostre, tornei e caroselli durante il medioevo; manifestazioni sportive, spettacoli con animali e persino ascensioni in mongolfiera nei secoli successivi. Nel 1913 fu rappresentata per la prima volta un’opera lirica: l’Aida di Giuseppe Verdi. Da allora l’Arena ospita ogni estate numerosi spettacoli operistici ed и diventata il piщ grande teatro lirico all’aperto del mondo. Se sei curioso di vedere l’interno dell’Arena e di conoscerla meglio, puoi entrare… Se invece pensi che sia tempo di fare quattro salti, hai a disposizione il giardino che si trova nel centro della piazza, ombreggiato da alberi centenari: puoi arrampicarti sul piedestallo della statua di Vittorio Emanuele II o correre intorno alla fontana (l’”isolotto” che vi si trova in mezzo rappresenta le Alpi ed и un dono a Verona della cittа di Monaco di Baviera,con la quale и “gemellata”). Se invece vuoi fare shopping o, semplicemente, ammirare un po’ di vetrine, puoi imboccare la strada piщ “elegante” della cittа, che comincia a fianco dell’Arena e che prosegue il Listтn. Si tratta di via Mazzini, una “pedonale” antica e conosciuta in tutta Europa: stretta e lunga, fiancheggiata da bei palazzi, ospita tra i negozi piщ belli del centro. E’quasi sempre affollata di turisti e di veronesi, che qui si incontrano, guardano e si fanno guardare, scambiano due chiacchiere. I piщ anziani la chiamano ancora con il suo vecchio nome: via Nuova. Mentre percorri via Mazzini, dai una occhiata alla pavimentazione: и stata eseguita qualche anno fa, utilizzando una pietra proveniente dai dintorni di Verona e conosciuta in tutto il mondo con il nome di “marmo rosa di Verona”. Puoi anche addentrarti in una delle strade che, a intervalli quasi regolari, incrociano perpendicolarmente la via principale: incontrerai altri bei negozi, palazzi antichi e simpatici bar dove bere qualcosa. Se osservi bene, ti renderai conto che via Mazzini e le strade che la incrociano ad angolo retto, insieme alle altre vie del centro, formano una specie di “scacchiera”. Le vie di oggi ricalcano in maniera quasi perfetta il tracciato delle strade di etа romana! Per farti un’idea piщ precisa di come era organizzata la rete stradale di Verona romana, cerca la lastra di bronzo che si trova in fondo a via Mazzini (se sei stato attento, ne hai visto una simile proprio all’inizio di questa stessa strada!): vi vedrai rappresentata la pianta della cittа com’era nel I secolo a. C. Qualche passo ancora, ed eccoci direttamente in piazza delle Erbe. Procedi a sinistra e fermati davanti ad un grande palazzo merlato, la Domus Mercatorum: nel Medioevo era il luogo degli affari, ma per chi cercava di imbrogliare… c’erano anche le prigioni! Guardati intorno… la piazza ha una forma stretta e lunga e corrisponde grosso modo all’antico foro romano, che si trovava proprio qui. Alcuni tra i palazzi che si affacciano sono molto belli e due torri salgono decise al disopra dei tetti: alla tua sinistra la torre del Gardello, innalzata da Cansignorio della Scala dopo la metа del 1300, in mattoni di cotto, ospitava una campana straordinaria che oggi si puт vedere da vicino al Museo di Castelvecchio. A destra della torre, c’и palazzo Maffei, orgoglioso di mostrare le sue decorazioni scolpite e la fila di statue che lo incoronano: “nacque” nel 1668. Di fronte, una colonna molto alta sostiene un leone alato che si legge un buon libro… sicuramente lo riconosci, и il leone di San Marco e ci ricorda il lungo periodo di dominio veneziano. L’altra torre della piazza, piщ alta e imponente , и quella dei Lamberti, antica famiglia veronese. Se hai tempo, puoi salirci (non se soffri di vertigini: и alta 84 metri!) e godere di un panorama incredibile sulla cittа. La torre и costruita in mattoni rossi alternati a pietra bianca e il suo grande orologio, con i rintocchi sonori, ci dice: “presto, che и tardi!”. Ritorniamo allora al centro della piazza, dove si trova il monumento che per molti и simbolo della cittа, voluto dallo stesso Cansignorio della Scala ed edificato verso la fine del 1300: la fontana di Madonna Verona. Fai un esperimento e chiudi gli occhi un istante… Se sei fortunato, e non passano auto, sentirai lo stesso scroscio d’acqua, le voci e i rumori che animavano la piazza nel 1300 e nei secoli successivi: molti personaggi famosi ci hanno provato e lo hanno raccontato con entusiasmo… soprattutto un pittore e un poeta… Sempre sulla piazza, troverai altre interessanti curiositа: la berlina, una specie di casetta di marmo che si usava per celebrare l’insediamento dei podestа (governatori) della cittа; poco piщ in lа, la colonna del mercato, innalzata nel 1401 con sopra un’edicola, portava le insegne del potere cittadino. Se osservi con attenzione, troverai segnate, sui gradini e sui pilastri, le misure commerciali veronesi. A proposito: nella tradizione le pietre del selciato del “toloneo” (che misurano circa un metro di lato) sono l’unitа di misura per decidere quanto deve pagare chi vuole uno spazio nel mercatino. Un ultimo sguardo alla piazza ti farа sicuramente cogliere la bellezza degli affreschi colorati delle case Mazzanti, che ricordano che Verona, nel 1500, era famosa per essere una cittа “dipinta”: quasi tutte le dimore avevano facciate affrescate e i colori vivacissimi destavano l’ammirazione dei viandanti. Oggi puoi fartene un’idea visitando il Museo degli Affreschi alla Tomba di Giulietta. Ti invitiamo ora ad uscire dalla piazza, passando attraverso l’ arco della Costa: ti stupisce vedere un osso di balena appeso lassщ? I veronesi si sono ormai abituati a questo bizzarro ornamento, che fa parte da secoli dell’”arredo” urbano: un tempo, forse, era l’insegna dell’attivitа degli “speziali” che si svolgeva in quell’isolato. Ti sorprenderа anche notare la differenza tra il vivace rumore di piazza Erbe e la silenziosa eleganza di piazza dei Signori: sembra quasi di entrare nel salone di una casa importante. Molti dei palazzi attorno sono merlati, le mura presentano le fasce di mattoni alternate alla pietra con il tipico gioco dei colori rosso e bianco, cosм amati dal Medioevo veronese. Ti senti osservato? Se alzi gli occhi, scoprirai che molte statue occhieggiano dall’alto: a sinistra, sopra un arco, Girolamo Fracastoro promette di lasciar cadere il globo che tiene in mano sulla testa del primo uomo onesto che passi di lм! Il bellissimo palazzo accanto, detto loggia di Fra’ Giocondo, eretto alla fine del 1400, presenta cinque statue di altrettanti illustri veronesi vissuti in epocaomana: loro, per fortuna, sembrano assorti in meditazione e poco inclini a fare scherzetti. Al centro della piazza, una figura ammantata e pensierosa sembra chiedersi:”Cosa sarа di noi?” E’un grande poeta fiorentino vissuto tra il 1200 e il 1300, Dante Alighieri. Dante aveva un legame di riconoscenza con Verona: dovendo fuggire da Firenze, fu accolto e protetto dai Signori della Scala, potente famiglia che abitava questi palazzi e dominava Verona e le cittа confinanti. Strinse un’amicizia profonda con Cangrande I, il cui palazzo sembra essere stato quello in fondo alla piazza: ecco perchи Dante “passeggia” ancora qui. (Se desideri conoscere meglio Cangrande I, vai al percorso n. 2). Questa piazza tutta libera и il luogo ideale per farsi anche una corsetta: ci sono tanti spazi nascosti da esplorare… Parti dunque dalla “ricognizione” della strada romana che passa sotto via Dante (fa angolo con l’alta torre scaligera merlata) che si puт calpestare per un tratto e poi si intravede dagli oblт aperti sulla via. All’imbocco di questa stessa strada, sul muro del palazzo a destra, noterai un mascherone di pietra dall’aria molto accigliata: la sua larga bocca cava era una specie di buca per messaggi… segretissimi e anonimi! Qui infatti si potevano denunciare gli usurai, spregiudicati mercanti di denaro che si arricchivano sui debiti altrui! Da piazza dei Signori si accede anche al cortile del palazzo del Comune, dove puoi salire sulla monumentale e bellissima Scala della Ragione e al cortile del vicino palazzo del Tribunale. Qui troverai gli altri grandi oblт che ti fanno intravedere l’ area archeologica scavata circa venti anni fa ad alcuni metri di profonditа: i resti romani, longobardi e medievali ritrovati erano cosм interessanti, che si decise di creare un percorso aperto al pubblico per fare un “viaggio nel tempo”. Se sei curioso, puoi entrare agli Scavi Scaligeri, dove vedrai da vicino i resti antichi e, contemporaneamente, una delle mostre fotografiche che questo sito ospita nel corso dell’anno. Il nostro itinerario insieme termina qui… Ti lasciamo a rilassarti un po’ nella vicina piazza Viviani, un tempo il vasto giardino dei signori della Scala, all’ombra di un secolare Gingko Biloba e ti aspettiamo per una nuova giornata alla scoperta di Verona… Arrivederci!
Comuna di Verona

Реклама

Добавить комментарий

Заполните поля или щелкните по значку, чтобы оставить свой комментарий:

Логотип WordPress.com

Для комментария используется ваша учётная запись WordPress.com. Выход / Изменить )

Фотография Twitter

Для комментария используется ваша учётная запись Twitter. Выход / Изменить )

Фотография Facebook

Для комментария используется ваша учётная запись Facebook. Выход / Изменить )

Google+ photo

Для комментария используется ваша учётная запись Google+. Выход / Изменить )

Connecting to %s